ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - pianta generica
search
  • ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - pianta generica
  • ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - pianta generica
  • ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - pianta generica
  • ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - pianta generica

ONCIDIUM-ORCHIDEA BALLERINA - info

Questa orchidea è un tumulto di colori.

Viene chiamata orchidea ballerina a causa dei sui fiori che "ballano" con una minima brezza di vento, oppure anche orchidea tigre per le sue striature.

Se le sue radici aeree fuoriescono dalla terra nella quale germogliano non tagliatele e non buttatele via. 

Acquisto: vai in fondo alla pagina e clicca su eventuali prodotti disponibili, oppure CONTATTACI
Quantità

Pagamenti sicuri al 100%

In inverno, quando si ha meno luce, va a riposo: mettetela nel posto più fresco della vostra casa.

La temperatura ideale è tra i dodici ed i quindici gradi ed è anche quella che permetterà alla vostra orchidea di regalarvi, con l’arrivo della primavera una rigogliosa fioritura.

All'inizio della primavera ricominciate a bagnarla più spesso perchè si sta risvegliando dal suo letargo.

---

(tratto dal libro di Alfredo Cattabiani "Florario. Miti, leggende e simboli di fiori e piante", Edizioni Oscar Mondadori. Un libro da leggere e consultare ! )

Nell'antica Cina le orchidee erano associate alle feste di primavera e venivano utilizzate per allontanare le influenze nefaste e in modo particolare la sterilità.

Il medico Dioscoride consigliava di mangiarne i tuberi come rimedio contro la sterilità.

Nel Medioevo si attribuivano alle specie nostrane le stesse proprietà fecondatrici di cui parlavano gli Antichi, tant'è vero che le radici venivano utilizzate per confezionare filtri ed elisir d'amore.

I Greci la chiamavano anche kosmosandalon, sandalo del mondo, per il labello rigonfio che si ritrova in molte specie spontanee nell'area mediterranea e assomiglia alla punta di una scarpetta.

Ma la bellezza del fiore ha evocato anche il simbolo dell'Armonia, e perfino l'emblema della Perfezione spirituale, perché la bellezza carnale e terrena, come ha insegnato Platone, non è se non una materializzazione di quella invisibile ai nostri occhi di mortali.

Scheda tecnica

Luce
Molta luce. No sole diretto.
Temperatura consigliata
Maggiore di 15 °C
Annaffiatura
Immerge il vaso della pianta in acqua a temperatura ambiente per 5-10 minuti e poi far drenare l’acqua in eccesso.
Stagione di Reperibilita' sul mercato - in Fioritura con coltivazione forzata
Tutto l'anno
Nome
Dal greco Onkos che significa gonfiore riferendosi alla forma del labello.
Provenienza
America Centrale e Meridionale
Habitat
Cresce sui tronchi degli alberi e nelle crepe delle rocce.